Corteo nella zona industriale di Atessa contro gli impianti per rifiuti pericolosi

ATESSA. Sabato 19 maggio, con ritrovo alle 10, nella la zona industriale è in programma una manifestazione di protesta organizzata dal “Comitato permanente in difesa del territorio” per protestare contro la presenza di impianti di smaltimento per rifiuti pericolosi in Val di Sangro. La marcia si svolgerà dalla Di Nizio alla Ciaf. Il corteo sarà aperto dai sindaci con fascia tricolore, e dietro di loro ci saranno i gonfaloni dei rispettivi Comuni portati da vigili urbani.

Numerose già le adesioni all’iniziativa. Tra gli altri parteciperanno i sindacati confederali regionali (Cgil-Cisl-Uil), partiti e movimenti politici (Pd, M5S, Forza Italia, Movimento per Atessa unita), associazioni ambientaliste e non (Legambiente, WWF, Cai, Libera, Noimessidaparte). Nel frattempo si stanno svolgendo le assemblee popolari in vari Comuni (Atessa, Paglieta, Perano, Altino, Archi, Roccascalegna, Tornareccio, Torino Sangro).

Al momento sono due i progetti per impianti di rifiuti pericolosi che potrebbero essere realizzati in Val di Sangro: uno è della ditta Di Nizio a Saletti e riguarda lo smaltimento di rifiuti ospedalieri infetti; l’altro è della Ecoeridania, che ha annunciato di voler acquistare l’autorizzazione della Ciaf, la cui attività è legata al trattamento di fanghi industriali.

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca