Aperto e attivo dopo 13 anni il canile sanitario di Lanciano

Lanciano (Chieti) - canile sanitario
Lanciano (Chieti), assessore Caporale – canile sanitario

LANCIANO. Dopo un’attesa di 13 anni è attiva la struttura del canile sanitario della Asl Lanciano-Vasto-Chieti in località Villa Martelli, destinata al primo ricovero e alla custodia temporanea di cani, gatti ed altri animali. Una struttura che avrà anche il ruolo di hub rispetto agli altri servizi diffusi sul territorio, gestita dal Servizio veterinario di sanità animale della Asl diretto dal dottor Giovanni Di Paolo, con la direzione sanitaria del dottor Ettore De Nobili. Nella struttura, dotata di Pronto soccorso veterinario con turni di reperibilità continua nelle 24 ore, è attivo il ricovero e la custodia temporanea dei cani, per il tempo necessario alla restituzione ai proprietari oppure all’affidamento ad eventuali richiedenti. Tra gli altri servizi annessi anche operazioni di anagrafe, prelievi di laboratorio, accertamenti diagnostici, interventi chirurgici ed ortopedici di pronto soccorso urgenti, sterilizzazione di cani e gatti, adeguato smaltimento delle carcasse.

canile2L’iniziale progetto è partito nel 1999 con accordo di programma tra la Asl, che finanziò l’opera con 400 milioni di ex lire e il Comune di Lanciano, che ha messo a disposizione il terreno. Dopo 5 anni la struttura è stata realizzata, ma mai attivata. Finalmente oggi, dopo aver risolto le questioni annose che rischiavano di far diventare quell’opera un’incompiuta, il canile sanitario è attivo: Lanciano è diventata così il centro di riferimento per gli interventi sul randagismo a servizio di tutti i Comuni della Provincia di Chieti. “Di questo straordinario risultato coerente con il nostro progetto di città dei servizi per Lanciano, voglio ringraziare in primis la Direzione ed i medici veterinari della Asl Lanciano Vasto Chieti – interviene l’assessore comunale alla tutela degli animali, Davide Caporale – Dal canto nostro, interverremo ancora nell’area sistemando nel prossimo anno la strada di accesso, vista la presenza anche del canile rifugio. Da ultimo, sorrido di fronte alle parole del consigliere regionale Mauro Febbo, che non sa nemmeno dove si trova Villa Martelli e che invito a visitare la struttura che lui non è mai riuscito ad aprire e attivare nonostante le responsabilità che in passato ha avuto nella giunta regionale di centrodestra Chiodi. Febbo, evidentemente già in campagna elettorale, continua a collezionare strafalcioni: dopo la questione del pulsante di Casoli per l’emergenza/urgenza e le recenti dichiarazioni sulla strutture dell’emodinamica abruzzese, oggi deve ricredersi anche sul canile sanitario di Lanciano”.

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca