Lavori corso Trento e Trieste, la ditta ai commercianti: “Canaline raddoppiate e prima tranche entro fine giugno”

commercianti3LANCIANO. Sono passati a pieno regime i lavori di ripavimentazione di corso Trento e Trieste. Lo ha annunciato lo stesso direttore dei lavori, Giuseppe Di Giacomo, nel corso dell’incontro organizzato ieri pomeriggio dall’amministrazione comunale, i commercianti e i responsabili della ditta Edilizia e strade srl di Campobasso. Numerose le perplessità emerse nel corso del tavolo organizzato nella sala consiliare. Tra queste spiccano il cronoprogramma dei lavori, dato che l’intervento è lungo e molto delicato, e la regimentazione delle acque piovane. Il progetto prevede infatti l’eliminazione totale dei marciapiedi, una soluzione che se dal punto di vista estetico ha i suoi indubbi vantaggi, da quello pratico ha generato non poche perplessità nei commercianti che temono allagamenti dei locali.

Il direttore dei lavori ha tuttavia rassicurato che, da ieri, gli operai al lavoro sono passati da 3 a 7 e che, dopo un primo periodo di ricognizione, l’intervento può ora procedere in maniera molto più spedita. Il complicato disegno della Presentosa sulle mattonelle in gres porcellanato prevede infatti che siano utilizzati decine di piccoli pezzi differenti, come per un puzzle. Per numerare tutti i pezzi necessari non sono bastate nemmeno tutte le lettere dell’alfabeto. La ditta, di concerto con l’amministrazione, si è data quindi una decina di giorni di tempo per cercare di capire lo stato di avanzamento dei lavori in vista di una presunta pausa nel corso delle Feste di settembre. Attualmente si sta procedendo ad un ritmo di 44 metri quadri al giorno: al netto di giornate dal meteo avverso ciò significa che il primo tratto del nuovo corso potrebbe essere pronto per il 30 giugno. Una eventuale pausa è ipotizzabile invece alla fine di luglio o a metà agosto.

commercianti2Per quanto riguarda la regimentazione delle acque l’architetto Di Giacomo ha riferito che, a seguito delle sollecitazioni dei commercianti e dell’amministrazione, l’opera subirà una variante di progetto con il raddoppio delle canaline, 200 metri su ogni lato del corso dai portici fino in piazza Plebiscito e l’inserimento di un canale trasversale all’inizio dei portici di 30 centimetri di profondità in grado di raccogliere 125 litri di acqua al secondo.

“Intendiamo ringraziare l’amministrazione comunale, il sindaco Mario Pupillo e gli assessori del Comune di Lanciano, per averci dato l’opportunità di incontrare i tecnici della ditta che si sta occupando del rifacimento della pavimentazione di corso Trento e Trieste e, quindi, di aver potuto porre loro le nostre domande”. E’ il commento del Consorzio Le Vie Del Commercio che insieme alla quasi totalità dei commercianti di corso Trento e Trieste, ha partecipato ieri all’incontro nella sala consiliare di Palazzo di Città per discutere di criticità, dubbi e realizzazione del nuovo corso di Lanciano.
“Abbiamo elencato i nostri dubbi soprattutto circa le regimentazione delle acque e sui tempi di realizzazione dell’opera. – dice Fausto La Morgia, presidente Le Vie del Commercio – Abbiamo ricevuto risposte puntuali e concrete, sia dall’amministrazione che dal direttore dei lavori, l’architetto Giuseppe Di Giacomo e, anche se qualche dubbio resta ancora, siamo comunque ottimisti e confidiamo nel lavoro della ditta”.
corso corso2
(Visited 1.074 times, 1 visits today)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Unibasket Lanciano non si Ferma

Unibasket Lanciano non si Ferma

L’Unibasket non si ferma: sul neutro di Pescara (problemi strutturali dell’ultim’ora hanno reso inagibile il Palazzetto dello Sport…

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca