Annullata per motivi di sicurezza la manifestazione Malvò in festa

malvòLANCIANO. E’ stata annullata la manifestazione Malvò in festa prevista per venerdì e sabato in piazzetta del Malvò. La decisione è stata comunicata dagli stessi organizzatori a seguito della revoca della concessione di uso di suolo pubblico da parte del Comune per la piazza del Malvò a seguito del cedimento di una parte del sottosuolo della carreggiata di via Corsea, gravemente danneggiata. Ed è polemica con l’amministrazione comunale. “Prendiamo atto, con profonda delusione, che l’amministrazione comunale di Lanciano ha reiterato il diniego all’utilizzo di piazza del Malvò per lo svolgimento dell’evento “Malvò in Festa” che ogni anno, con enorme sacrificio, organizziamo per valorizzare e far “vivere” la Piazza del Malvò in maniera diversa rispetto alla marginalità quotidiana, forse sconosciuta a molti – si legge in un comunicato dell’associazione Amici del Malvò –  La manifestazione si poteva svolgere con la mera assunzione di un’ordinanza del sindaco del tutto compatibile con la responsabilità che chi amministra e/o lavora per la cosa pubblica dovrebbe avere. Peraltro ci risulta che, anche la recente ricorrenza di Sant’Egidio si sia potuta svolgere seppur in presenza di una vasta area di Corso Trento e Trieste oggetto di cedimento strutturale, “buca” poi richiusa in tutta fretta per consentire anche il corteo del Mastrogiurato. Se l’intera piazza del Malvò fosse così a rischio, allora andrebbero assunti provvedimenti a tutela degli abitanti. Invece, da quanto è dato sapere/vedere, trattasi della rottura di un tratto fognario e cedimento di una parte di via Corsea, peraltro in un tratto marginale rispetto alla piazza mai impegnato per la nostra manifestazione; circostanze queste che però, nel nostro caso, hanno dato la stura all’uso di parole come “sicurezza e pericolo”.

“Il diniego dell’utilizzo della piazza – spiega invece l’assessore al Commercio, Francesca Caporale – è dovuto ad una questione di sicurezza, legata al fatto che attualmente non c’è ancora contezza dell’estensione del problema geologico di via Corsea. Sappiamo dai tecnici e dagli studiosi che stanno analizzando il problema della voragine di Corso Trento e Trieste che proprio nella zona di via Corsea si trova un importante bacino imbrifero dove confluiscono la maggior parte delle acque sotterranee del centro cittadino. Su parere dei tecnici e per il fatto che la manifestazione richiama un grande numero di persone, abbiamo preferito di non rischiare, fornendo tuttavia numerose alternative sui luoghi dove svolgere la manifestazione. Non è ancora stato possibile effettuare delle prospezioni più approfondite su via Corsea e non si può derogare alla sicurezza”. La Caporale specifica anche che il problema delle vie di fuga e dell’ordine pubblico affrontato dall’associazione con il locale Commissariato di Polizia, “è cosa diversa dal problema di staticità e stabilità del suolo contestato dal Comune per l’uso pubblico di piazza del Malvò”.

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca