Nsc denuncia: «Riproposta estrazione gas a Bomba». Lunedì assemblea a Paglieta

[fbls]

LANCIANO. «I petrolieri resuscitano il progetto di estrazione di gas sotto il lago di Bomba»: è quanto denuncia l’associazione Nuovo Senso Civico, che ricorda come il progetto sia stato «bocciato dopo una lotta di popolo e di carte bollate dalla Regione, dal comitato Via, dal Tar e, in ultimo, pietra tombale in via di rimozione, dal Consiglio di Stato».

Per lunedì 10 luglio è stata convocata un’assemblea pubblica per discutere le modalità di mobilitazione e le misure tecniche e legislative da intraprendere. L’appuntamento è alle 20:30 nel Bar Kristal di Paglieta. «Al progetto denominato “Colle Santo” hanno cambiato il proponente che non è più la Forest Oil ma la Cmi Energia Spa», denuncia Nuovo Senso Civico, «e hanno coinvolto 11 comuni della Val di Sangro: Perano, Roccascalegna, Atessa, Pennadomo, Torricella Peligna, Collidimezzo, Altino, Villa Santa Maria, Archi, Bomba e Paglieta, comune quest’ultimo in cui è prevista la costruzione della raffineria che nel precedente progetto ricadeva nel comune di Bomba».

«Dopo più di 40 anni dalla Sangro Chimica», sottolinea l’associazione ambientalista, «provano ancora a colonizzare di nero idrocarburo una zona del nostro Abruzzo che ha già dato, in termini di sviluppo industriale, con la Sevel e tutta la costellazione di piccole e grandi imprese che operano nell’area, più o meno impattanti sul nostro ambiente».

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca