Lanciano Europa su corso Trento e Trieste: “La giunta dia spazio alle opere davvero prioritarie”

[fbls]
Corso Trento e Trieste oggi e nell'ipotesi progettuale di rifacimento
Corso Trento e Trieste oggi e nell’ipotesi progettuale di rifacimento

LANCIANO. E’ davvero prioritario il rifacimento di corso Trento e Trieste, l’opera già finanziata con un mutuo di circa 1milione e 300mila euro? Se lo chiede Francesco Piccirilli, presidente dell’associazione Lanciano Europa.  “Prima di immaginare di spendere milioni di euro in opere non prioritarie – interviene Piccirilli – inviterei a prestare maggiore attenzione alla pulizia e al decoro di questa città, alla messa in sicurezza delle strade urbane ed extraurbane, dove si rischia di rimanere intrappolati nei tanti crateri a cielo aperto. La riduzione delle tasse è un fatto positivo se i risparmi vanno recuperati ed indirizzati in questa direzione. Per non parlare poi della più grande infrastruttura, questa sì strategica per la crescita della città e non solo, vale a dire del volano chiamato Miracolo Eucaristico. L’accoglienza e la ricettività si misurano non sui flussi (che possono anche aumentare vertiginosamente), bensì sulla permanenza (leggasi pernottamento) del visitatore dentro la città. Questa è la vera sfida. Auspico un cambio di rotta. Per il bene di Lanciano e di tutto il comprensorio”.

Nelle scorse settimane la stessa amministrazione aveva valutato l’ipotesi di trasferire il mutuo concesso dal rifacimento del salotto buono cittadino alla manutenzione di diverse strade cittadine e delle contrade. La decisione sta tutta nel bilancio di previsione e nei margini che consentirà il Patto di stabilità: bisognerà stabilire quale opera è necessaria alla città e a quale intervento dare la precedenza.

L’assessorato ai lavori pubblici ha presentato un piano dettagliato di interventi che riguardano il rifacimento di arterie importanti e centrali come via De Crecchio, via Martiri VI Ottobre e via Del Mare (che dovrebbe essere predisposta per accogliere una pista ciclabile così come previsto nel Piano generale del traffico urbano recentemente redatto). La cifra complessiva dovrebbe essere 1milione e 20omila euro per le strade cittadine e 600mila euro per quelle delle contrade.

Ma allo stesso tempo il progetto del corso, con la pavimentazione in bianco e nero che ricorda il gioiello Presentosa, era stato presentato in pompa magna appena un anno fa. Il nuovo corso Trento e Trieste, relegato oggi ad essere una semplice strada chiusa al traffico senza arredi e nemmeno panchine, era stato illustrato come un’opera che avrebbe lasciato il segno e rilanciato l’immagine della città.

(Visto 1 volte oggi)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca