Un anno fa moriva Lorenzo ma la Onlus col suo nome aiuta ancora tanti malati

[fbls]
Lorenzo Costantini
Lorenzo Costantini

LANCIANO. È passato un anno da quando la notizia che nessuno si aspettava giunse in città da Philadelphia. Lorenzo Costantini, 20 anni, giovane promessa del calcio frentano che aveva commosso tutta l’Italia con la sua storia, si spegneva oltreoceano, non senza aver lottato contro il terribile male che poco più di un anno prima lo aveva colpito. Un lutto che l’Abruzzo intero, e Lanciano in particolare, ha sentito come il suo, stringendosi attorno a mamma Anna e papà Pasquale, e ai fratelli Antonello, Rossana e Roberta.

Oggi il giovane campione, nello sport e nella vita, sarà ricordato con una messa. «Un pensiero speciale va a te Lorenzo», è scritto sulla pagina facebook “Lorenzofacciungoal”, nata per raccogliere i fondi necessari alle cure in America, «che hai ricordato alle persone cosa significa l’amore e la solidarietà. Martedì 10 novembre alle ore 18, presso la Cattedrale di Lanciano, si terrà la messa nel tuo ricordo».

Piazza Plebiscito gremita per i funerali di Lorenzo
Piazza Plebiscito gremita per i funerali di Lorenzo

E un anno dopo l’amore e la solidarietà dimostrate per Lorenzo da tantissima gente, che da tutta la penisola ha contribuito alla raccolta fondi (450mila euro raccolti in 12 giorni, un record), continuano a fare del bene. «Nel corso del tempo la bontà e l’umanità delle persone ha fatto sì che altre donazioni spontanee continuassero ad arrivare anche dopo il raggiungimento dell’obiettivo iniziale», spiegano dall’associazione, «consentendo alla Onlus di effettuare tante altre donazioni. Aiutare chi è in difficoltà, donare a chi ha bisogno, promuovere la ricerca scientifica, sono questi alcuni degli obiettivi che ora la Onlus Lorenzofacciungoal persegue, affinché la medicina e la ricerca possano evolversi, per poter dare non solo speranze, ma un destino migliore anche ai meno fortunati.  Costituita con l’obiettivo di aiutare Lorenzo, cosa voluta con tutto il cuore dai tanti sostenitori, la Onlus Lorenzofacciungoal desidera ora dare concretezza con azioni mirate a promuovere la ricerca e la medicina, a quell’amore e a quell’altruismo espresso da ciascuno di voi. Lo scopo, che perseguiremo con l’impegno di sempre, sarà quello di sostenere i malati in attesa di guarigione, nella speranza che il destino dei più bisognosi possa cambiare grazie al vostro aiuto».

Lorenzo Costantini
Lorenzo Costantini

E sono già tanti i progetti realizzati: donazioni sono state fatte a favore della Fondazione Casa Ail di Bologna, che ospitò Lorenzo, del “Sogno di Iaia” e del “Progetto Noemi”, l’altra piccola malata di Guardiagrele; per il reparto di oncologia del Renzetti, diretto da Antonio Nuzzo, sono stati acquistati un distributore d’acqua, due televisori per le stanze del day hospital e sei stampanti per gli ambulatori; un macchinario “Osteobit”, per la rigenerazione dell’osso nei pazienti compromessi, è stato comprato per una ragazza di Lanciano che rischiava l’amputazione della gamba. E adesso l’associazione si appresta a regalare al laboratorio “Stem Cells”, nel Centro Trasfusionale dell’ospedale Santo Spirito di Pescara, un freezer congelatore per portare avanti le sperimentazioni e far continuare e crescere i progetti di ricerca.

«Voglio tornare a stare bene e a fare del bene pure io per gli altri», diceva in ospedale Lorenzo. Oggi quel bene è una realtà, portata avanti nel suo nome.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca