Scali ferroviari sulla costa frentana, i sindaci chiedono misure per le barriere architettoniche

[fbls]

FOSSACESIA. I sindaci di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, e di San Vito, Emiliano Bozzelli, nel corso dell’incontro avuto nei giorni scorsi a Roma con il presidente di Rete ferroviaria italiana, Claudia Cattani hanno affrontato anche il tema degli interventi da eseguire negli scali sulla linea ferroviaria Adriatica per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

«Rfi ha avviato una serie di azioni a livello nazionale per aumentare l’accessibilità delle stazioni alle persone con disabilità», afferma Di Giuseppantonio, «la soluzione di questa situazione è stata più volte sollecitata da parte mia e di altri sindaci della zona. D’altro canto la nostra insistenza è dovuta anche al fatto che Rfi ha predisposto un programma per il miglioramento delle infrastrutture, che prevede una serie di tipologie di lavori nelle stazioni che vanno da quelle sul piano dei binari, nella riqualificazione dei sottopassaggi pedonali, per la realizzazione di nuove rampe di accesso ai binari, l’attivazione di ascensori, la realizzazione di nuove pensiline».

«Abbiamo ricordato al presidente Cattani che i nostri scali ferroviari sono quotidianamente frequentati da studenti e lavoratori e in estate da molti turisti, che raggiungono le località della costa grazie ai collegamenti ferroviari», aggiunge il sindaco di Fossacesia, «per queste ragioni è necessario rendere il servizio accessibile a tutti e di fronte alle nostre ragioni abbiamo incontrato la disponibilità da parte di Rfi».

«Purtroppo», sottolinea Di Giuseppantonio, «non sono state inserite nella programmazione precedente le stazioni di Fossacesia-Torino di Sangro e San Vito-Lanciano. Inoltre abbiamo anche chiesto servizi igienici ed il miglioramento delle sale di attesa nei due scali della costa dei trabocchi».

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca