Sciopero in Sevel, i sindacati: “Oltre il 70% di adesioni”

[fbls]

ATESSA. Sarebbe di oltre il 70% l’adesione dei lavoratori allo sciopero indetto nel turno pomeridiano in Sevel da Fiom, Slai Cobas, Usb e Fim, quest’ultima firmataria del contratto collettivo specifico Fiat, ma già da mesi in aperto contrasto con l’applicazione della nuova turnazione passata, dal 7 ottobre scorso, da 15 a 17 turni, lasciando però inalterato il turno notturno che resta destinato ai soli volontari. La nuova programmazione dei turni per i sindacati starebbe creando ricatti e disparità di trattamento economico tra i lavoratori, chiamati all’ennesimo sacrificio lavorativo ed economico con la predisposizione del sabato lavorativo in regime ordinario e non più straordinario.

“Massiccia adesione dei lavoratori Sevel allo sciopero con oltre il 70% di adesione – recita un comunicato della Fiom-Cgil – ora l’azienda apra immediatamente il confronto. Questa è la seconda risposta che danno le lavoratrici e i lavoratori Sevel rispetto all’imposizione della nuova turnistica senza averla contrattata. I lavoratori vogliono essere coinvolti”.

Soddisfazione viene espressa anche dalla Fim che, dopo l’apertura della procedura di raffreddamento nelle scorse settimane per tentare una estrema conciliazione con l’azienda, ha proclamato lo sciopero nel turno di oggi pomeriggio. “Questi dati devono far riflettere l’azienda sulla politica attuata finora – si legge in una nota – chiediamo un tavolo di confronto serio per trovare soluzioni soddisfacenti sia per i lavoratori che per la gestione dell’incremento produttivo. Come rsa Fim ribadiamo di non voler mettere in discussione la nuova turnistica prevista dal contratto nazionale e dal ccsl, ma la sua applicazione”.

Secondo fonti aziendali lo sciopero avrebbe riguardato solo un terzo dei lavoratori.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca