Atessa, tutti positivi nella casa di riposo Santa Maria, il sindaco: “Vogliamo chiarezza e soluzioni dalla Asl”

[fbls]

ATESSA. Sono tutti positivi gli ospiti della casa di riposo Santa Maria di Atessa. Lo ha dichiarato nei giorni scorsi la stessa Asl Lanciano-Vasto-Chieti nei giorni scorsi nel comunicare che l’azienda sanitaria ha inviato sul posto l’équipe dell’Usca, l’Unità speciale di continuità assistenziale, che ha sottoposto a visita tutti gli ospiti, compilando schede di anamnesi per ognuno.

I tamponi sono risultati positivi per tutti gli anziani, ragione per la quale si è deciso al momento di trattenerli nella stessa struttura, sempre monitorati quotidianamente dalla stessa équipe che ne monitorerà le condizioni, disponendo il ricovero in ospedale in caso di necessità.

Intanto salgono a 5 i decessi all’interno della struttura che dal 10 marzo scorso è chiusa per i “non addetti” ai lavori e a estranei: quattro sono risultati positivi al Covid, mentre per il quinto si attende l’esito dei tamponi. Per quanto riguarda il personale, 11 sono le persone in quarantena, di cui 6 confermati Covid e 5 in attesa di tampone.

Intanto è critico il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli sulla gestione della situazione da parte della Asl Lanciano-Vasto-Chieti: “Vogliamo chiarezza e azioni concrete sul centro anziani “Santa Maria” – scrive il primo cittadino – Abbiamo scoperto (insieme con le famiglie) che tutti gli ospiti sono positivi, via Facebook, domenica sera. A noi ancora non risulta dai dati ufficiali che ci sono stati comunicati. Questo modo di operare è inaccettabile, così come la scelta di chi gestisce i social della Asl, di bloccare il sottoscritto e tutti coloro che non li lodano per le loro azioni. Pensate un po’ cosa accadrebbe se, come loro, io bloccassi e cancellassi i commenti di tutti quelli che mi espongono critiche, anche pesanti? E prima che si dica che non è vero, ecco come, da qualche giorno, visualizzo la pagina Facebook della Asl chietina: posso solo condividere, non intervenire, chiedere, commentare. Non siamo all’asilo Mariuccia, il sottoscritto rappresenta un’istituzione ed è bene che oltre alle strategie social per auto celebrarsi la Asl si inizi a muovere per rispondere a tutte le questioni sanitarie urgenti della città di Atessa e non solo di Atessa”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca