Trigano Van in espansione, la Fiom: “Unica azienda che assume nel periodo post Covid”

[fbls]

PAGLIETA. Un nuovo stabilimento a settembre e nuove assunzioni. La Trigano Van, azienda leader nel settore della produzione di camper e roulotte, ha confermato i piani di investimento avviati prima del Covid-19 ed è pronta ad un nuovo rilancio dopo una fase di espansione dal 2016 al 2018. “In controtendenza a quasi tutto il comparto produttivo – interviene Andrea De Lutis della Fiom provinciale – la Trigano Van è una delle poche realtà che nonostante le difficoltà a seguito della pandemia, sta confermando i piani di investimento e crescita annunciati qualche mese fa in
maniera tangibile: nelle ultime giornate i lavori di ampliamento di un secondo capannone produttivo sempre nel comune di Paglieta si trovano a buon punto, sono iniziati gli ingressi in azienda di nuovo personale e in parallelo sono partiti i corsi di formazione per i futuri ingressi che avverranno gradualmente entro settembre con il fine di rendere operativo il sito “Paglieta2””.

L’azienda, facente parte di una multinazionale francese, ha deciso di implementare le linee continuando a produrre la linea di van conosciuta rivisitando i modelli con maggiori accorgimenti e arricchendo la la gamma di ulteriori linee sia entry level che premium. La Trigano in questi anni, si è contraddistinta e arricchita di buone prassi anche nella
condivisione della crescita con il sindacato, la Fiom, unica organizzazione presente con la rappresentanza sindacale in azienda, fortemente rappresentativa e insieme alle rsu: Cesare Silvestri, Gabriel Rullo e Emiliano Di Folco.

“Quando a gennaio 2020 l’ azienda ci ha invitati al tavolo – prosegue De Lutis – non ci siamo tirati indietro e siamo
riusciti a creare i presupposti per attrarre gli investimenti senza far perdere nulla ai lavoratori, anzi, in quelle discussioni abbiamo creato l’ equilibrio fra le necessità di flessibilità dell’ azienda e le aspettative dei nostri rappresentati, abbiamo tenuto tutto insieme compreso il rinnovo della contrattazione di secondo livello e la crescita
occupazionale che vedrà la trasformazione da un minimo di 24 ad un max di 28 contratti di lavoro da precari a tempo indeterminato nei prossimi tre anni a partire dal 2020 oltre al fatto che l’ investimento creerà ulteriore nuova occupazione con altre 40 / 45 persone che entreranno entro settembre, non sottovalutando il fatto che se la risposta dei mercati dovesse essere quella sperata, il peso delle assunzioni potrebbe dare ulteriori sorprese positive. Come sindacato abbiamo chiesto di riservare parte delle assunzioni previste a quelle persone che nelle vertenze che hanno lacerato la nostra provincia hanno perso il lavoro. L’ azienda ci ha dato un ulteriore segnale importante confermando l’ acquisto del sito Paglieta 1 che diventerà di proprietà”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca