Riparte il Pedibus a Lanciano: le iscrizioni sono aperte, anche per i volontari

[fbls]

Giovedì 24 settembre a Lanciano riapriranno le scuole. Grazie alla volontà del comitato Piedibus, all’impegno dei volontari che rendono possibile il servizio e alla disponibilità dell’amministrazione  comunale, ripartirà anche il Pedibus con delle immancabili novità. Le prime riguardano le disposizioni per l’emergenza Covid-19:

“Indossare la mascherina all’arrivo al punto di ritrovo o fermata o comunque prima di unirsi alla carovana Pedibus (vale per tutti, accompagnatori e alunni). Durante il tragitto, solo quando le condizioni di distanziamento (oltre un metro) lo permettono, la mascherina potrà essere abbassata o temporaneamente tolta”

“Portare ogni giorno una busta per la raccolta dei rifiuti (di quelle compostabili) per metterci il proprio zaino se deve essere affidato ad una persona/macchina/altro che lo trasporti fino a scuola”

“Durante l’itinerario procedere in fila indiana distanziati di un metro”

Le varie linee hanno subito qualche modifica in virtù delle sedi “distaccate” di alcune scuole, come le sezioni dell’Umberto I che andranno alla cittadella della musica. Inoltre c’è la proposta di una sesta linea nel quartiere Santa Rita che sarà operativa prossimamente. E’ logico che, come dicono i referenti del comitato è indispensabile la partecipazione delle scuole, dei volontari e soprattutto dei bambini e dei loro genitori “per continuare a modificare in positivo le abitudini non più sostenibili di accesso alle scuole e regalare ai nostri ragazzi una piccola passeggiata quotidiana”.

Intanto è al vaglio dell’amministrazione comunale la proposta di rinnovo del patto di collaborazione, che dovrebbe prevedere anche una piccola somma per apportare delle migliorie alla segnaletica dei percorsi e contribuire ad altre necessità per portare avanti un progetto che vede Lanciano all’avanguardia tra i comuni abruzzesi e che segue altri comuni italiani dove addirittura è la stessa polizia comunale che si fa carico dell’organizzazione del Pedibus.

Prossimo passo dovrebbe essere l’istituzione di zone di rispetto, chiuse alle auto, per facilitare l’acceso dei bambini a scuola, liberare le strade nei pressi degli istituti da ingorghi e soprattutto rendere la qualità dell’aria migliore, durante l’ingresso e l’uscita dei bambini, e liberarla da sostanze inquinanti che gli alunni respirano.

Adesso la palla passa ai cittadini lancianesi che dovranno contribuire con la partecipazione di adulti e bambini a questa iniziativa. I numeri degli anni scorsi sono stati molto confortanti. Nell’anno scolastico 2019/20 con 3 mesi in meno di scuola sono state totalizzate 7455 presenze di alunni, 1497 presenze di volontari come accompagnatori, 53 alunni presenti in media al giorno.

Tutte le informazioni, i questionari e i moduli d’iscrizione sono reperibili su https://lavenum.blogspot.com/p/mobilita-scolastica.html

Non rimane che fare quello che chiede il comitato Pedibus Lanciano: “accompagna tuo figlio/a al capolinea o a una fermata del piedibusinvece che davanti alla scuola, farai una cosa grande con un sacrificio piccolo”

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca