La giunta Pupillo replica alla minoranza: “Altro che macerie, mai così tanti cantieri”

[fbls]

LANCIANO. “Mai così tanti soldi investiti, mai così tanti interventi. Chi parla di macerie le ha scambiate per cantieri”. Così la giunta Pupillo ha difeso ieri in una conferenza stampa-fiume, l’operato di dieci anni di amministrazione a seguito delle accuse della minoranza che nei giorni scorsi aveva parlato di una città ridotta in macerie e di una giunta “senza progettualità e ben poco trasparente”.

A meno di un anno dalla scadenza del mandato amministrativo il sindaco Mario Pupillo ha fatto il punto della situazione richiamando a sè tutti gli assessori. “Parlare di sfratto di questa amministrazione è una spavalderia, è un linguaggio fascista – ha esordito il primo cittadino – non accetto critiche da un campione di coerenza che è passato da Ingrao, Di Pietro a Fratelli d’Italia. Chi usa il venticello della calunnia avesse il coraggio di andare in Procura e denunciare. Settanta sindaci hanno alzato la mano per confermare alla presidenza di EcoLan, Massimo Ranieri”.

Ad uno ad uno hanno parlato tutti gli assessori a sostegno del lavoro svolto in quasi 10 anni di governo cittadino. “A memoria d’uomo questa città non ha mai avuto tanti cantieri come negli ultimi 5 anni – interviene il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici e istruzione, Giacinto Verna. Un milione di euro per l’impiantistica sportiva; 2 milioni di euro per l’adeguamento sismico delle scuole, 700mila euro per l’anticendio; 3milioni e mezzo di euro, più ulteriori 278mila solo quest’anno per la manutenzione stradale; 2 milioni di euro per il dissesto idrogeologico di Porta San Biagio. L’ex assessore ai lavori pubblici, Paolo Bomba, che parla di macerie, non ha mai investito nelle scuole, del suo operato ricordo solo il rifacimento di viale Cappuccini e la nuova caserma dei vigili urbani”.

“Rispondo con i numeri – esordisce l’assessore alle Finanze, Carlo Orecchioni – abbiamo approvato un bilancio nel pieno dell’emergenza Covid con l’assenza della minoranza e abbiamo potuto prevedere 200mila euro per supportare le famiglie e il commercio. Nonostante in questi anni abbiamo ricevuto 44.324.000 euro in meno dal Governo centrale, abbiamo i conti in regola, abbiamo fatto investimenti per 30milioni di euro e ridotto drasticamente il debito del 12%. Anche la Tari, con 136 euro/pro capite di media, è tra le più basse d’Italia”.

“Questo modo sterile e propagandistico di fare campagna elettorale non mi appartiene – dice l’assessore alle Politiche sociali, Dora Bendotti – e non accetto che si dica che questa giunta ha portato alla distruzione di Lanciano. E’ accaduto tutt’altro. Per il mio settore, che è l’humus di una comunità, solo quest’anno sono stati investiti 8milioni di euro. Accoglienza e integrazione sono stati da sempre i nostri cavalli di battaglia. Abbiamo creato servizi per le famiglie, come il Baby pit stop, il primo parco giochi inclusivo della regione e abbiamo saputo amministrare in momenti che non hanno precedenti nella storia come la nevicata del 2017 e l’emergenza Covid. Non abbiamo lasciato nessuno indietro quando la città è rimasta senza corrente per 72 ore, abbiamo sostenuto le famiglie durante la pandemia e incoraggiato la ripresa economica Abbiamo bandito dopo forse 30 anni un concorso pubblico per due assistenti sociali e abbiamo la responsabilità amministrativa di 9 comuni”.

“Quelle della minoranza – sostiene Patrizia Bomba, assessore al Commercio e viabilità – sono state parole demagogiche condite da abile retorica. Le vere macerie le abbiamo trovate noi dentro il mercato coperto, affidato ai privati dal centro destra, così come la piscina, i parcheggi. All’interno del mercato coperto abbiamo trovato 718mila euro di danni, il procedimento doveva essere archiviato e invece il Tribunale di Lanciano ha accettato il ricorso”.

“Stiamo facendo il possibile per assicurare il maggior numero di servizi anche durante l’emergenza sanitaria – dichiara l’assessore allo Sport e Ambiente, Davide Caporale – abbiamo 900 tesserati e 13 società sportive e stiamo cercando di far rientrare tutti. Abbiamo messo a norma il Biondi e abbiamo un nuovo campo in erba sintetica che è il campo Di Meco. Riguardo l’ambiente tutti i programmi del centro destra parlavano di efficientamento energetico, ma mai nessuno l’ha realizzato. Noi sì, con 6mila nuovi punti luce e 180 nuovi pali. Riguardo EcoLan ricordo che il cda non è più, come avveniva qualche anno fa, l’organo supremo. C’è un comitato di controllo e ci sono 70 sindaci proprietari della spa pubblica. Oggi Lanciano è al 76,5% di raccolta differenziata, vogliamo davvero compararla a come era prima, con i cassonetti stracolmi per strada?”.

“Abbiamo un comitato che da 4 anni regala Feste di settembre meravigliose – si inserisce Marusca Miscia, assessore alla Cultura – abbiamo messo a norma le Torri Montanare e il Parco delle arti musicali. La minoranza che è così critica non ha mai partecipato a un evento culturale, così come del resto ha smesso di partecipare alle celebrazioni del 25 aprile. Che messaggio mandano ai propri figli? Sono disposta ad accettare le critiche, ma devono essere costruttive. La minoranza può partecipare alle nostre scelte e suggerirne altre. Anche sull’albero di Natale senziente rivendico una importante operazione culturale”.

“Ora racconto io la mia parte di macerie – conclude l’assessore all’urbanistica, Pasquale Sasso – ad esempio 12 milioni e mezzo di euro di interventi progettati, appaltati e realizzati. A partire dal cimitero che ha impegnato questa amministrazione in un investimento di 6milioni di euro. Tutte le nostre opere sono frutto di una programmazione a monte, non è vero che manchiamo di progettualità. Abbiamo approvato il Prg e la variante al Prg assieme a un importante Piano integrato di intervento per gli ambiti di Pietrosa, Torrieri e Sangritana. Abbiamo realizzato due importanti rotatorie per snellire il traffico da e verso il casello autostradale dell’A14 e previsto la bretella di via Bergamo per lo stesso motivo. Siamo riusciti ad intercettare 2.700.000 euro per l’edilizia residenziale e abbiamo realizzato 18 alloggi a canone concordato e a canone ridotto. Quanto alla trasparenza in dieci anni non siamo mai stati sottoposti a nessun provvedimento dell’autorità giudiziaria. Per fare opposizione ci vuole competenza, correttezza e stile”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca