Tagliati gli alberi attorno all’ospedale Renzetti, la Asl: “Piante a rischio cedimento”

[fbls]

LANCIANO. Se il verde mette a rischio la sicurezza delle persone, vanno prese le necessarie misure, anche se sgradevoli. Questo il principio con cui è stato motivato il piano di interventi per la messa in sicurezza di piante di medio e alto fusto presenti negli ospedali di Lanciano, Vasto e  Atessa e nei Presidi territoriali di assistenza (Pta) di Casoli e Gissi.

A fare scattare le verifiche era stato, alcuni mesi fa, il crollo di alcuni rami in due diverse aree all’interno del “Renzetti”, che avevano determinato l’intervento dei Vigili urbani e la richiesta di una perizia tecnica necessaria ai fini delle azioni da mettere in atto. Su richiesta dell’unità operativa “Investimenti, patrimonio e manutenzione” alla ditta Basilico, cui è affidata la manutenzione del verde pubblico, è stata rimessa una relazione tecnica a firma dell’agronomo Vincenzo Carlino che indica la strada da percorrere. Il documento riporta la valutazione di stabilità delle piante, intesa come descrizione morfologica, anatomica, biologica e fitopatologica al fine di determinarne la pericolosità, vale a dire la propensione al cedimento strutturale integrale o parziale.

“La valutazione di stabilità individua le cure colturali e gli interventi utili alla riduzione della pericolosità – si legge nel documento – e definisce modalità e cadenza temporale dei monitoraggi necessari al controllo della sua evoluzione nel tempo. Nel caso in cui le condizioni di pericolosità non siano mitigabili, attraverso specifici interventi colturali, la valutazione di stabilità è lo strumento idoneo per individuare la necessità di procedere all’abbattimento dell’albero. Non fanno parte dei giudizi riferiti a condizioni di stabilità le valutazioni basate su criteri estetici, paesaggistici, ecologico-ambientali o relativi al valore ornamentale o di servizio, legato all’età, di alberature urbane”.

Proprio da tale analisi è scaturita un’indicazione severa, per quanto non facile da accettare: è necessario intervenire per tagliare numerose piante perché a rischio di stabilità, che diventerebbero pericolose in caso di eventi atmosferici legati all’imminente stagione fredda. In sostanza tempeste di pioggia e vento o grandi quantità di neve potrebbero causare crolli che metterebbero a rischio la pubblica incolumità.

Il doloroso taglio degli alberi a rischio di caduta è stato già compiuto all’ospedale di Lanciano e nei prossimi giorni stessa sorte toccherà a quelli di Vasto, Atessa, casoli e Gissi. La decisione, quindi, è stata presa con l’unica finalità di garantire la sicurezza di passanti, utenti e operatori. Si sta già lavorando, però, all’identificazione della tipologia di piante da reimpiantare al posto di quelle abbattute: molto probabile che la scelta cada sul leccio, caratterizzato da radici profonde che offrono nel tempo maggiori garanzie di stabilità.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca