Discarica a cielo aperto nella riserva Grotta delle farfalle

[fbls]

ROCCA SAN GIOVANNI. Una discarica a cielo aperto in uno degli scorci più belli della Costa dei trabocchi. E’ quanto ci è stato segnalato da un lettore che ha notato cumuli di rifiuti nei pressi della Riserva naturale Grotta delle farfalle tra le località Scalzino e Fontanelli. L’impatto è fortissimo. In mezzo alla vegetazione rigogliosa si notano sacchi di plastica, pneumatici, secchi, scarti edili, bottiglie di vario genere, addirittura un wc, elettrodomestici usati tra cui vecchie tv, un forno, un frigo. Uno scempio in mezzo ad uno dei luoghi più suggestivi d’Abruzzo.

Riserva Naturale Grotta delle Farfalle, istituita nel 2007, comprende una superficie di 510 ettari nei territori di San Vito Chietino e di Rocca San Giovanni. La Riserva tutela una serie di fossati solcati da brevi tratti di torrenti che scorrono nascosti tra la ricca vegetazione e alcune grotte naturali che, durante la seconda guerra mondiale, offrirono a partigiani e sfollati nascondigli sicuri. Perpendicolari alla costa i fossi della riserva, come una fitta ragnatela, rappresentano un interessante e inusuale corridoio ecologico a bassa quota, dove numerose specie animali possono spostarsi da un luogo all’altra restando nascosti nella vegetazione.

“Siamo al corrente della situazione – commenta il sindaco di Rocca San Giovanni, Gianni Di Rito – purtroppo ogni volta che andiamo a pulire qualche balordo torna di nuovo a gettare ogni genere di rifiuto. E’ una vergogna. Sono costi che si abbattono comunque sulla collettività e danni ambientali e di immagini incalcolabili. Per questa ragione stiamo pensando di installare una serie di fototrappole in modo da risalire al trasgressore”.

Gli abbandoni illeciti di rifiuti sono sanzionabili con un’ammenda amministrativa di 600 euro, che può essere aumentata fino al doppio se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca