Lanciano, gli appuntamenti della Settimana Santa al tempo di Covid

[fbls]

LANCIANO. Per il secondo anno consecutivo la pandemia Covid frena i riti della settimana Santa della Confraternita Morte e Orazione San Filippo Neri Lanciano.

Lo scorso anno i tradizionali appuntamenti, che da oltre 400 anni accompagnano la città di Lanciano, nel corso del primo lockdown  furono completamente annullati.

Quest’anno, seppur in tono minore e nel rispetto di tutte le normative per prevenire il  contagio e la diffusione del Coronavirus, il Priore del sodalizio, Raffaele Sabella, con il direttivo, i confratelli e le consorelle hanno cercato di proporre un calendario che sappia, seppur senza i grandi numeri di presenza del passato, far vivere alla città il clima unico che solo i riti della Settimana Santa, sanno infondere nel cuore di tutti .

Si è partiti oggi, Domenica delle Palme, con quello che è un momento molto importante per i Confratelli. L’arcivescovo Emidio Cipollone ha celebrato una Santa Messa in Cattedrale per accogliere i “novizi”, i nuovi confratelli e consorelle che hanno professato il loro voto e sono diventati a tutti gli effetti membri della confraternita.

Giovedì Santo 1 aprile alle ore 21, per la prima volta in assoluto, stretti nella preghiera ai piedi del Santo Sepolcro, che accoglie il Cristo Morto, l’orchestra e i solisti della Confraternita diretti dal Maestro Andrea Di Mele, eseguiranno le struggenti note del Salmo 50 di Davide musicati da Masciangelo e Bellini. Il concerto si svolgerà a porte chiuse e verrà trasmesso in diretta sul canale 12 di Telemax, sul web sulla pagina Facebook di Videocittà.news,  sulle principali testate giornalistiche on-line oltre che sul sito della Confraternita.

Venerdì 2 aprile, nel rispetto delle attuali disposizioni anti-contagio, con ingresso contingentato e con i Confratelli a garantire il servizio d’ ordine, le persone potranno accedere nella Chiesa di Santa Chiara dove si potrà sostare in preghiera, per alcuni istanti, ai piedi del Sepolcro di Cristo Morto.

La Chiesa rimarrà aperta dalle 8 del mattino fino alle 20.

 “Nessuno di noi, scrive il Priore Raffaele Sabella, avrebbe mai potuto immaginare di poter vivere, per il secondo anno consecutivo un distacco così innaturale da quelli che sono i secolari Riti della nostra Settimana Santa. L’auspicio è quello di poter superare nei prossimi mesi questa tremenda condizione che consentirà nell’anno venturo di vivere, come fosse la prima volta, la nostra Processione”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca