Festa della Liberazione, le celebrazioni a Lanciano e circondario

[fbls]

LANCIANO. In occasione del 76° anniversario della Festa della Liberazione in programma domani 25 aprile si terrà una celebrazione in forma ristretta e nel rispetto della normativa anticontagio in piazza Plebiscito alle ore 11. Inoltre saranno illuminati con il tricolore, a partire da questa sera, il Monumento ai Caduti e Palazzo di Città in piazza Plebiscito. Il programma istituzionale prevede, alle 10,50 il ritrovo del sindaco, Mario Pupillo e del presidente Anpi, Maria Saveria Borrelli in rappresentanza di tutte le Associazione di Partigiani e Combattentistiche nei pressi del Comune. Alle 11 il primo cittadino rende omaggio al Monumento ai caduti in Piazza Plebiscito. La manifestazione potrà essere seguita in diretta fb, profilo del Sindaco Mario Pupillo www.facebook.com/pupillosindaco. 

L’Anpi provinciale ha organizzato una staffetta per la Resistenza lancianese a cui sono invitati a partecipare tutti i cittadini. Dalle ore 16 si tratta di deporre un fiore su tutte le strade della Resistenza: l’albero della tortura di Trentino La Barba in viale Cappuccini; la panchina di Pino Marsilio in via Spaventa; l’ex edicola Remo Falcone in via Spaventa; ex villino Rossi per ricordare la partigiana Giuseppina; Viale Marconi per ricordare il viale degli eroi e Gemma Di Castelnuovo; Corso Roma, vico 11, la casa dell’accoglienza; piazza Garibaldi in ricordo dell’abbraccio dei due amici ribelli, Vincenzino Bianco e Giovanni Calabrò; corso Trento e Trieste dove cinque telefoniste della Timo boicottarono i messaggi ai tedeschi; piazza D’Anniballe dove fu mitragliato il partigiano Guido Rosato; ex stazione Sangritana per ricordare i partigiani Rocco Stella e sua moglie Salvina.

Le celebrazioni avranno luogo anche a Taranta Peligna alle 9,30 nel sacrario della Brigata Maiella e a Fossacesia, città medaglia d’argento al merito civile, con una manifestazione essenziale, anche quest’anno senza persone in piazza nel rispetto delle norme sanitarie anti Covid.

Sindaco, assessori e consiglieri comunali si ritroveranno alle ore 11, per presenziare alla deposizione di una corona al Monumento ai Caduti per la Pace e la Libertà in Largo Castello. Subito dopo, analoga cerimonia al Monumento ai Caduti di Piazza Alessandro Fantini. “La celebrazione della Liberazione e quel che essa ha rappresentato e che continua a rappresentare per il nostro Paese, oggi assume un grande significato rispetto alla fase che stiamo attraversando e al periodo che attendiamo – afferma il sindaco Enrico Di Giuseppantonio -: un momento che ci richiama alla responsabilità, alla difesa della libertà e soprattutto alla solidarietà che devono essere impressi nel nostro modo di operare quotidiano. Ognuno di questi deve trovare applicazione, tanto nei nostri impegni che nei comportamenti personali per far crescere la coscienza collettiva. Il senso di responsabilità di oggi – conclude il sindaco Di Giuseppantonio – va visto come pietra angolare della libertà di domani, e ciò non può avvenire senza rispetto della nostra Costituzione, delle Istituzioni”.

 

 

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca