Paglieta, maltratta e picchia la moglie, disposto l’allontanamento da casa per un 66enne

[fbls]

PAGLIETA. Ieri mattina i carabinieri della Stazione di Paglieta hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Lanciano a firma del dottor Massimo Canosa, che dispone l’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima con divieto assoluto di comunicare con la stessa, nei confronti di un 66enne originario della Puglia ma residente a Paglieta che dovrà rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della moglie anche lei 66enne.

La coppia era sposata da pochi anni, lui vedovo, lei divorziata, all’inizio tutto sembrava andare per il meglio fino a quando l’uomo non ha perso il lavoro, fatto che ha destabilizzato la coppia. Nonostante le sopraggiunte ristrettezze economiche l’uomo ha continuato ad avere e a pretendere un tenore di vita superiore alle possibilità economiche della coppia, tanto che anche i pochi risparmi della moglie erano stati prosciugati in poco tempo. La donna, con problemi di salute in quanto colpita da una grave malattia invalidante, per circa due anni ha subito il comportamento violento e prevaricatore dell’uomo dal quale veniva picchiata, pesantemente denigrata, umiliata, offesa e minacciata di morte, tant’è che la donna poter dormire tranquilla la notte, tale era la paura e l’ansia, si chiudeva a chiave in un’altra camera da letto.

Comportamenti violenti che progressivamente con il passare del tempo si sono accentuati, facendo insorgere nella vittima una condizione di abbattimento psicologico e prostrazione che ne hanno minato l’equilibrio psicofisico. Una situazione intollerabile che ha portato la donna a cedere psicologicamente e disperata a rivolgersi ai carabinieri di Paglieta che immediatamente hanno attivato la procedura del “Codice rosso” introdotta con la Legge n. 69 del 2019 informando la Procura della Repubblica di Lanciano che con altrettanto celerità, visti i gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato contestato, ha richiesto ed ottenuto dal GIP del Tribunale di Lanciano una misura cautelare a tutela della vittima.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca