Pulizie Sevel, lavoratori in cassa integrazione dopo un ulteriore taglio delle ore lavorative

[fbls]

ATESSA. Hanno appena festeggiato il 1 maggio ma la settimana che comincia per i lavoratori impegnati nelle pulizie dell’impianto Stellantis di Atessa è carica di preoccupazione per il futuro. Lo fa sapere la Filcams Cgil, per voce della segretaria provinciale, Elena Zanola. I 92 dipendenti impegnati nell’appalto dovranno infatti aumentare ulteriormente il ricorso alla cassa integrazione perchè Stellantis ha nuovamente tagliato le ore. “Questi lavoratori, che si occupano di pulire e sanificare l’immenso impianto di Val di Sangro – si legge in una nota della Filcams – sono impegnati in attività sia di pulizia civile, sia di pulizie tecniche industriali. Già a marzo 2021, in piena pandemia, Stellantis, appena preso possesso dello stabilimento di Atessa, aveva imposto un ridimensionamento del 50% dell’attività e oggi il taglio continua. Cosa succederà quando termineranno gli ammortizzatori sociali concessi e previsti dalla legislazione vigente? I rischi per la tenuta dell’occupazione sono molto alti considerando che molti dei lavoratori hanno anche contratti di lavoro part time con
retribuzioni dunque già ridotte e compresse dal carovita che sta galoppando negli ultimi mesi”.

“Nei giorni scorsi – prosegue la segretaria Zanola – si sono svolte le assemblee dei lavoratori di Atlas, azienda che ha in affidamento l’appalto da diversi anni, e oltre al timore per il futuro, è forte l’amarezza per una decisione che dimostra la precisa volontà di ignorare il peggioramento netto degli standard di servizio e di sicurezza che queste decisioni comportano.
Sottolineiamo infatti che le attività svolte da questi lavoratori sono strategiche per il mantenimento di standard di igiene ma anche di sicurezza del lavoro, perchè fondamentali per garantire l’incolumità, l’integrità e il benessere di tutti i lavoratori impegnati
nella produzione e dopo un anno dall’inizio della “cura Stellantis” le condizioni in cui versano lo stabilimento e gli impianti sono inaccettabili. Ovviamente, con una buona dose di ipocrisia, le attività di pulizia che sono ormai considerate superflue, ritornano invece necessarie solo in occasione di importanti visite della dirigenza, come quelle che si prevedono per i prossimi giorni. A ciò si aggiungono le continue incertezze sul futuro dello stesso stabilimento che lavora a singhiozzo e nel quale i continui fermi produttivi vengono ormai comunicati con poche ore di preavviso, con effetti sempre più importanti sul reddito dei lavoratori dato il massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali. IN questo contesto nel quale non c’è chiarezza sulle strategie del nuovo gruppo, è necessario tenere conto anche della situazione di tutti i lavoratori impegnati negli appalti di questo gigante industriale, che trascina nella sua difficile situazione anche centinaia di lavoratori “indiretti””.

La Filcams Cgil Chieti denuncia con forza la situazione e chiede “un’immediata inversione di rotta. È necessario che su questi temi si apra un ragionamento più complessivo che vedecoinvolta, oltre all’azienda affidataria dell’appalto, anche l’azienda committente e le
istituzioni territoriali viste le pesanti possibili ricadute sulla condizione di numerosi cittadini e delle loro famiglie”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca