Sevel, sospensione delle attività lavorative per tutta la prossima settimana

[fbls]

ATESSA. Nuova lunga sospensione lavorativa per Sevel che, a causa di problemi di approvvigionamento nelle forniture, da mesi è soggetta a continui stop and go. Dopo il fermo di qualche giorno fa, lo stabilimento dei furgoni commerciali leggeri torna a programmare la sospensione delle attività produttive dal terzo turno di domani, venerdì 27 maggio e per tutta la settimana prossima, dal 30 maggio al 4 giugno alle 5.45. L’obiettivo, come riferiscono i componenti del comitato esecutivo delle rsa Sevel, convocato dalla direzione aziendale con urgenza questa mattina, è quello di fare un grande approvvigionamento di materiale così da garantire un lungo periodo senza fermate. Il reparto di CKD della Lastratura lavora regolarmente questa settimana per la prossima settimana si attendono ulteriori comunicazioni.

Le giornate di sospensione saranno gestiste con la cassa integrazione.

“La situazione è davvero preoccupante e rischia di diventare disastrosa nelle prossime settimane – dichiara Amedeo Nanni, della segreteria interregionale Fim Abruzzo e Molise – a rimetterci sono i lavoratori di sevel e indotto con contrazione di salari e in particolar modo i somministrati con perdita di posto di lavoro. Se si vogliono dare prospettive future a un tessuto industriale sfibrato il nostro paese insieme all’europa ha il compito di rendersi indipendente dai paesi come Cina e paesi dell’est e iniziare a investire nelle aziende presenti in europa al fine di produrre internamente i semiconduttori per vetture e elettrodomestici. La situazione attuale con una guerra assurda e una crisi economica mondiale ci impone di ripensare alle scelte necessarie e all’importanza di rimettere in moto le produzioni del nostro paese. Sarà importante spendere bene i soldi previsti dal Pnrr che può essere l’ultima opportunità per creare le condizioni di rilancio del paese Italia e dell’Abruzzo. La politica deve creare le condizioni attraverso investimenti sulle infrastrutture, su fonti energetiche green alternative con particolare attenzione alla transizione ecologica per mettere in sicurezza le aziende del territorio che oggi devono confrontarsi con la concorrenza. Il Pnrr è una grande opportunità che sicuramente non si ripeterà e se vogliamo davvero il rilancio del nostro territorio nell’interesse di tutti i lavoratori, dovremo monitorare affinché i soldi del Pnrr vengano ben spesi”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca