Il ministro del Lavoro, Orlando fa visita agli operai della Sevel

[fbls]

ATESSA. Si è fermato all’ingresso 27 della Sevel durante il cambio turno di ieri pomeriggio il Ministro del Lavoro Andrea Orlando che si è intrattenuto con i rappresentanti sindacali presenti ed i lavoratori, accompagnato dal segretario provinciale del PD, Leo Marongiu che teneva a questo incontro davanti ai cancelli della fabbrica più importante d’Abruzzo, insieme ai candidati Ernesto Graziani, Elisabetta Merlino ed al Segretario regionale del Pd, Michele Fina.

Il Ministro del Lavoro ha toccato con mano le questioni sollevate dalle lavoratrici e dai lavoratori sulle questioni dell’Automotive, dell’approvvigionamento dei materiali di fornitura e del caro energia per fornitori e indotto.

È la terza volta che il Ministro è venuto in provincia di Chieti nell’ultimo anno: a Lanciano lo scorso anno per sottoporre un’agenda di interventi immediati alla UE, a San Salvo nel mese di Giugno e ieri nel cuore produttivo produttivo d’Abruzzo.

Subito dopo il Ministro ha fatto visita ad Atessa, nella sala consiliare, dove ha incontrato il sindaco Giulio Borrelli, gli amministratori ed i giovani democratici.

L’incontro davanti allo stabilimento Sevel è stato, ha detto il segretario del Partito Democratico abruzzese e candidato al Senato Michele Fina, “un importante momento di ascolto. Il ministro Orlando si è confrontato con le lavoratrici e le lavoratori, raccogliendo le loro preoccupazioni che riguardano sia la situazione economica generale che quella del comparto. Per noi è stata l’occasione di ribadire il nostro impegno prioritario per il lavoro in tutte le fasi e a tutti i livelli. In particolare oggi abbiamo ribadito, di fronte ai rincari che stanno mettendo a dura prova i redditi delle famiglie, la necessità di operare sui salari, in primo luogo attraverso un taglio deciso delle tasse sul lavoro, e di correggere le norme per combattere il precariato. Nello specifico dell’automotive, come ha detto il ministro, le esigenze di transizione ecologica vanno raggiunte in modo equo, senza che nessuno sia lasciato indietro. Tutti devono fare la propria parte in questo senso, a cominciare dai privati, considerati gli importanti investimenti del pubblico”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca