“Lanciano diventi Città 30”: le associazioni lancianesi scrivono al ministro Salvini

[fbls]

LANCIANO. Le associazioni Legambiente, Fiab, Asvis, Kyoto Club, Vivinstrada, ANCMA, Salvaiciclisti, Fondazione Michele Scarponi, AMODO hanno inviato al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini una lettera per aprire un tavolo di discussione sul tema Città 30. Le associazioni scrivono che: “L’istituzione delle Città 30 è il provvedimento più innovativo ed efficace per contrastare l’incidentalità sulle strade urbane, in quanto coniuga una drastica riduzione delle stragi stradali, l’integrazione tra le diverse composizioni modali di trasporto, il rispetto degli impegni climatici, il miglioramento della vivibilità, oltre che una significativa
fluidificazione del traffico” inoltre occorrono “nuove politiche più rapide ed efficaci, in grado di cambiare le città, le strade, il sistema della mobilità, gli stili di vita e di guida, per fermare crisi climatica e strage stradale” Tutto questo in conformità con quanto richiesto dal Piano Nazionale Sicurezza Stradale 2030 (PNSS).

“Come ampiamente dimostrato il fenomeno del traffico indotto – spiegano le associazioni in una nota – è la manifestazione nel campo dei trasporti di quella legge economica nota come induzione della domanda: quando costruisci nuove strade o allarghi le strade esistenti la gente userà di più la macchina, generando più traffico. Vale anche per altre azioni: quando raddoppi una linea ferroviaria, raddoppi una linea aerea, raddoppi una pista ciclabile, l”effetto finale sarà che, grazie alla maggior convenienza di transito, ci saranno più passeggeri su treni e aerei, più persone useranno la bicicletta. Quindi più faciliti l”uso dell”automobile, più ne incoraggi diffusione e uso. Tra l’altro la diffusione di auto è arrivata a numeri eccessivi. In Italia si contano circa 640 auto ogni 1000 abitanti. A Lanciano nel 2016 si contavano 669 auto ogni 1000 abitanti. Inoltre si aggiunga che ogni giorno l’auto è usata per percorrere pochi chilometri, mentre il 95% circa del tempo è parcheggiata e la velocità media nel centro urbano si attesta tra i 20 e i 30 km/h e si abbassa sotto i 10 km/h nelle ore di punta. Quindi la soluzione, come già indicato da molti studi, non è riaprire strade o tratti stradali, o costruirne di nuove per snellire il traffico, perché con queste pratiche il risultato è proprio opposto a quello sperato”.

“Come sta accadendo in diverse città d’Europa e d’Italia- rimarcano le associazioni – riteniamo che a questo punto sia arrivata
la necessità di trovare le soluzioni in altro tipo di azioni. Una di queste è la cosiddetta Zona 30: parte, o la totalità, delle strade urbane con un limite di velocità di 30 km orari. I vantaggi di questa soluzione sono evidenti nelle città che l’hanno già adottata:
– Incidenti diminuiti e meno gravi
– Meno traffico
– Meno rumore
– Le strade possono essere ripensate dando più spazio a pedoni, biciclette e attività commerciali
– Sensibilizzazione dei cittadini sul tema della mobilità dolce
– Aumento dei ciclisti
– Diminuzione conseguente dell’uso dell’auto
– Diminuzione dei livelli di inquinamento
– tempi di percorrenza quasi inalterati

“Insomma – concludono i rappresentanti di Europa Verde Frentania, Rita Aruffo e Stefano Luciani – è un “iniziativa che punta a riequilibrare lo spazio pubblico, riducendo le aree della strada dedicate alle auto con l”inserimento di piste ciclabili e l”allargamento dei marciapiedi, in modo da creare spazi più vivibili per le persone. Avere marciapiedi più larghi significa avere più spazio per panchine e alberi, solo per fare due esempi, con tutti i benefici che comporterebbe anche per l”ambiente. Significa permettere agli
anziani di fare più passeggiate perché possono sedersi, ai bambini di andare a piedi o in bici a scuola da soli”. Ciò è quanto affermano esperti urbanisti che in Italia e in Europa stanno portando avanti campagne per sensibilizzare le amministrazioni locali a trasformare la propria città in Città 30. Anche noi chiediamo all’amministrazione di Lanciano di prendere in considerazione questa opportunità. Lanciano Città 30 può rappresentare il primo tassello di una serie di azioni coraggiose, ma improcrastinabili, come da noi proposte nel PUMS (Piano Urbano di Mobilità Sostenibile): nuovo piano per il trasporto pubblico urbano, nuove ZTL, estensione dell’area pedonale, corsie ciclabili estese per l’intera città, nuovo piano del traffico, revisione dei parcheggi a pagamento. Tutto questo a beneficio del cittadino per rendere Lanciano una città moderna, sostenibile e a misura di bambino”.

(Visto 21 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca