Nuova metodologia Arera: sinergia tra comune di Frisa, Ecolan e Regie srl per l’approvazione del nuovo PEF

Il comune frentano è il primo in Abruzzo ad adeguarsi al nuovo sistema di tariffazione

[fbls]

Il Comune di Frisa, primo in Abruzzo e in anticipo tra tutti i 70 comuni soci EcoLan ha approvato ieri il nuovo Piano economico finanziario Tari 2020, un traguardo raggiunto grazie alla virtuosa sinergia messa in campo tra EcoLan spa, amministrazione comunale, risorse interne al comune e la società Regie srl nella persona del responsabile della gestione tributi locali, Liborio Spacone. L’obiettivo era quello di determinare la nuova tariffazione comunale sulla base delle prescrizioni contenute nella deliberazione Arera (la n. 443 del 31 ottobre 2019 e nell’allegato MTR) che sarebbero dovute essere recepite entro il 30 settembre 2020, anche ai fini dell’approvazione, da parte dei enti stessi, delle tariffe del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani ed assimilati in regime Tari o tariffa corrispettiva. L’Arera è la nuova Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente che gestisce, dopo la legge di Bilancio 2018, le funzioni di regolazione e controllo del ciclo dei rifiuti. Il suo ruolo è quello di realizzare un sistema nel quale la costruzione del Piano economico finanziario (PEF) avvenga con regole definite e univoche per tutti.
Ma l’insieme delle nuove regole risulta tuttavia molto complesso. Il nuovo approccio impone ai funzionari e agli amministratori dei Comuni una rilevante attività di studio, formazione e interpretazione. Di qui la scelta di EcoLan e del Comune di Frisa, di accompagnare questo processo in una fattiva collaborazione. Determinante anche l’azione e il supporto della società Regie srl. “La collaborazione messa in campo rappresenta un’autentica innovazione. I Comuni si devono adeguare ad una realtà nuova, necessaria e complessa – commenta il dottor Spaconeciò tuttavia non ha impedito a varie professionalità di raggiungere l’obiettivo, con grande soddisfazione di tutti”.
L’adeguamento alla nuova metodologia di calcolo e l’implementazione della nuova regolazione – interviene il sindaco di Frisa, Nicola Labbrozzihanno portato uno scostamento delle tariffe rispetto agli anni scorsi. Si è infatti registrato un aumento di circa l’8%. Le maggiori entrate saranno utilizzate interamente per ampliare l’offerta di servizi erogati per la gestione dei rifiuti. Il pagamento dell’annualità 2020, anche a seguito dell’emergenza sanitaria in corso, potrà essere effettuato in una o due soluzioni con scadenze fissate a novembre 2020 e febbraio 2021. Il Comune di Frisa è stato il primo comune ad aver approvato il PEF con metodologia Arera, grazie ad un lavoro di squadra molto proficuo”.
EcoLan spa è al fianco dei comuni non solo nell’erogazione dei servizi ambientali e di igiene urbana, ma anche quando si tratta di maneggiare una materia complessa come la nuova tariffazione Arera – conclude il presidente della spa pubblica, Massimo RanieriIn un momento di grande difficoltà che sta caratterizzando questo genere di scadenza in tutti gli enti italiani, la sinergia creata a Frisa si pone come un esempio da adottare e replicare anche in altre realtà del territorio”.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca