Emergenza Covid-19: Riaprire e potenziare i piccoli Ospedali

[fbls]

LANCIANO.  “Attivare con urgenza reparti di rianimazione e terapia intensiva presso gli ospedali di Atessa e Casoli” è quello che chiede il comitato dei sindaci alla direzione della ASL e al Presidente della Regione Abruzzo. Sono 47 i sindaci firmatari della nota: “In considerazione del numero esiguo dei posti attualmente disponibili presso i presidi ospedalieri e in modo da poter far fronte ad eventuali emergenze che si potrebbero verificare a seguito dell’evolversi della situazione epidemiologica del virus Covid-19” affermano gli amministratori nella nota.

Stesso tema ma questa volta protagonisti Europa Verde Abruzzo e l’ospedale di Guardiagrele: “Chiediamo che un ospedale come quello di Guardiagrele, praticamente nuovo e pronto per essere utilizzato, non venga dimenticato ma anzi venga valorizzato come strumento efficace per fronteggiare la crisi sanitaria che è in corso. Si recuperi l’ospedale SS Immacolata, una risorsa per oggi e per domani, per far fronte all’emergenza e allo stress che la sanità abruzzese dovrà affrontare nei prossimi anni causa di un età media che continua a salire e di un clima che sta diventando sempre più aspro e incontrollabile” afferma il responsabile regionale dei Verdi Alessandro Monaco “Vogliamo che si metta fine a questo assurdo paradosso per cui con un sistema sanitario nazionale vicino al collasso a causa della mancanza di posti letto, la politica continua a essere quella del taglio”. Per questo motivo: “Abbiamo lanciato una petizione su change.org : “OSPEDALE DI GUARDIAGRELE: ATTIVAZIONE REPARTO PER TRATTAMENTO CORONAVIRUS”. La petizione è rivolta al Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e all’Assessore con delega alla sanità, Nicoletta Verì. La via da noi scelta è emblematica della nostra posizione: la petizione è il principale strumento a disposizione di una comunità per far sentire la propria voce, consentendo di aprire un canale privo di vincoli burocratici e procedurali con le Istituzioni al fine di presentare proposte, e al tempo stesso permette di lasciare una certa flessibilità al destinatario delle stesse”. Al momento 800 le firme raccolte in meno di 24 ore.

Adesso è il momento di agire, spetta alla ASL e alla Giunta regionale una risposta celere e concreta.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca