Tutto può cambiare. Il libro di Andrea Riccardi a colloquio con Massimo Naro

[fbls]

Tutto può cambiare. Conversazioni con Massimo Naro”, questo è il titolo di una lettura per niente convenzionale dalla quale attingere per riuscire a vivere serenamente nella complessità della globalizzazione, senza averne paura e senza essere spaesati.
A fare da bussola in questa complessità è il Vangelo, in grado di creare speranza anche nelle situazioni più difficili.

Massimo Naro intervista a tutto campo Andrea Riccardi. Quella che ne emerge è una conversazione con sguardo originale sulla vita e sulla storia. Si parla di vicende umane, storie di conflitti e di liberazione, ricordi, riflessioni sulla Chiesa, con uno sguardo lucido, volto al futuro di questo mondo globale.
Emerge anche una riflessione sulla Comunità di Sant’Egidio e la sua nascita e maturazione nelle periferie umane e urbane del mondo, su percorsi di riconciliazione e di pace che cambiano ogni giorno in meglio la vita di tanti, nelle zone più disagiate d’Italia, in paesi lacerati da conflitti e da guerre.

Una conversazione profonda, al termine della quale è possibile affermare con forza che tutto può davvero, sempre, cambiare. È possibile consultare l’elenco completo dei libri del Prof. Andrea Riccardi per conoscere le numerose pubblicazioni avvenute negli anni.

Andrea Riccardi

Andrea Riccardi nasce a Roma il 16 gennaio 1950. È uno storico italiano, professore ordinario di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi Roma Tre. È un noto e stimato studioso della Chiesa in età moderna e contemporanea e fondatore, nel 1968, della Comunità di Sant’Egidio.
Molti dei suoi testi e studi, pubblicati in diverse lingue, fanno riferimento al rapporto fra mondi religiosi differenti e sul tema della coabitazione religiosa in particolare nell’area mediterranea tra il XIX e il XX secolo.
E’ stato professore ordinario di Storia Contemporanea all’Università di Bari, alla Sapienza e alla Terza Università degli Studi di Roma. Inoltre, alcune Università straniere lo hanno insignito con la laurea honoris causa tutte visibili sulla sua pagina ufficiale.

Riccardi, come già affermato, è il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, una comunità conosciuta oltre che per l’impegno sociale e i numerosi progetti di sviluppo nel Sud del mondo, per il suo lavoro a favore della pace e del dialogo. Con la Comunità, infatti, egli ha svolto il ruolo di mediazione in diversi conflitti ed ha contribuito al raggiungimento della pace in alcuni Paesi.
Proprio per questo motivo la rivista “Time” nel 2003 lo ha inserito nell’elenco dei trentasei “eroi moderni” d’Europa, che si sono distinti per il proprio coraggio professionale e impegno umanitario.
Nel 2009 gli è stato assegnato anche il prestigioso Karlspreis, premio Carlo Magno.
Dal 16 novembre 2011 fino al 28 aprile 2013 è stato ministro senza portafoglio del governo Monti per la cooperazione internazionale e l’integrazione.

La Comunità di Sant’Egidio

Nasce a Roma nel 1968 in seguito al Concilio Vaticano II. Ad oggi si tratta uno dei movimenti cattolici maggiormente impegnati nella comunicazione del Vangelo e nella carità a Roma, in Italia e in più di 70 paesi dei diversi continenti.
Questa è articolata in comunità sparse nel mondo le quali condividono la stessa spiritualità ed i fondamenti che caratterizzano il cammino di Sant’Egidio ovvero: la preghiera, la comunicazione del Vangelo, la solidarietà verso i poveri, l’ecumenismo ed il dialogo.

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca