Remo Rapino vince il Premio Campiello 2020

"Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio" di Remo Rapino vince la 58^ edizione del Premio Campiello

[fbls]

Solo qualche mese fa lo scrittore lancianese Remo Rapino dichiarava di aver vinto il suo premio Strega, vedendo il suo libro “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio”, tra i 12 semifinalisti del prestigioso premio letterario. Essere tra i finalisti del premio Campiello 2020 era probabile ma non scontato, essere il vincitore dell’edizione di quest’anno una grande sorpresa e un’immensa gioia per l’intera città di Lanciano. In città però in molti se l’aspettavano, ci credevano e così è stato.

A Venezia, in piazza San Marco, davanti ad un pubblico selezionato di 1400 persone, il Professor Remo Rapino ha vinto la 58^ edizione del Premio Campiello, con 92 voti su 300, voti di lettori anonimi che hanno viaggiato, insieme allo scrittore e al protagonista Liborio, nella storia del Novecento, attraverso gli episodi che hanno costellato la vita del “cocciamatte” del paese, che racconta “…in una cronaca esilarante e malinconica di fallimenti e rivincite, il carnevale di questo secolo, i suoi segni neri, ma anche tutta la sua follia e il suo coraggio”.

Gli altri finalisti erano Francesco Guccini, grande favorito della vigilia, Patrizia Cavalli, Sandro Frizziero, Ade Zeno.

Complimenti Professore!

(Visto 1 volte oggi)

ALTRE NOTIZIE SU LANCIANO24.it

Cronaca

Primo Piano

Primo Piano

Primo Piano

Cronaca

Cronaca